Alla scoperta di Kuala Lumpur: consigli e itinerari di viaggio

L’estate scorsa ho fatto un viaggio di tre settimane in Malesia che mi ha rubato il cuore. I miei vivono attualmente a Kuala Lumpur e lì ho trascorso 8 giorni indimenticabili. Questa città, cuore pulsante del Sud-Est asiatico e capitale della Malesia, è un vero e proprio melting pot di culture. Conosciuta come KL, questa metropoli è caratterizzata da un’anima multiculturale, che si riflette nelle sue imponenti architetture, come le famose Petronas Twin Towers, e nei suoi vivaci mercati di strada. Grazie alla sua posizione vicino all’equatore, qui è sempre estate, ideale per chi cerca il caldo tutto l’anno. o le strade, ogni angolo di Kuala Lumpur è un’esperienza unica. E poi, il clima! Grazie alla sua posizione vicino all’equatore, qui è sempre estate, ideale per chi cerca avventura urbana e ricchezza culturale. Vi porto con me alla scoperta delle migliori cose da fare e vedere a Kuala Lumpur, tra luoghi da non perdere, ristoranti imperdibili e i migliori posti dove alloggiare.

Cosa vedere a Kuala Lumpur

Kuala Lumpur, con il suo mix di tradizione e innovazione, offre varie attività ed esperienze da non perdere. Ecco alcune delle attrazioni principali che ho esplorato durante la mia avventura nella capitale malese.

Chinatown

Sicuramente una delle attività più interessanti del mio viaggio è stata la passeggiata culturale di Chinatown con Jane Rai. Mia mamma conosce bene Jane, avendo già partecipato a questo tour, e ha pensato di organizzarlo anche per noi. Devo ammettere che non ha il fascino della Chinatown di Singapore (menomale che Singapore l’abbiamo visitata come ultima tappa del nostro viaggio) ma quella di KL ha un suo carattere unico e autentico. Fidatevi, proprio per questo avere una guida cambia completamente l’esperienza, senno oltre le casette tradizionali non ci sarebbe rimasto molto. Jane invece ci ha svelato l’anima autentica di questo quartiere storico. Ci ha spiegato la storia e ci ha portato a visitare vari luoghi tra cui il tempio Sin Sze Si Ya, un antico tempio taoista considerato uno dei luoghi di culto più antichi della città. Qui, ci ha spiegato la simbologia dei templi taoisti, super interessante. Poi ci ha portato al mercato centrale, in un’antica erboristeria cinese e in una tea house a fare una degustazione di tè. Il tour privato, che costa 500RM (100€), dalle 9:00 alle 12:00, è valso ogni centesimo. A Chinatown è fondamentale avere una guida come Jane per scoprire i tesori nascosti che altrimenti non vedresti. Per pranzo, ci siamo fermati all’Old China Cafè per assaggiare l’autentica cucina Nyonya. E per i souvenir, Petaling Street è piena di cosine carine da portare a casa. Potete contattare Jane su Instagram per verificare la sua disponibilità. I tour sono in inglese.

photo from Passage Thru India’s fb

The River of Life (il fiume della vita)

Passando per le strade di Chinatown, non perdetevi the River of Life, dove il fiume Gombak si unisce al fiume Klang, proprio nel cuore della città. Jane ci ha spiegato che qui è nata KL. Infatti, “Kuala Lumpur” in malese significa letteralmente “punto d’incontro fangoso”. Questo nome riflette il contesto geografico della città, situata alla confluenza di questi due fiumi, che hanno avuto un’importanza storica nello sviluppo iniziale della regione. La convergenza dei fiumi Klang e Gombak ha giocato un ruolo fondamentale nel trasporto dei minerali di stagno, contribuendo significativamente all’emergere di Kuala Lumpur come un insediamento di spicco alla fine del XIX secolo. Questo punto ha subito una trasformazione notevole grazie al progetto “the River of Life”. Oggi, l’area ha della street art, spettacoli di luci e un’atmosfera vivace, rendendola un punto focale nel paesaggio scenico e culturale di Chinatown.

Piazza Merdeka

Merdeka Square, o Dataran Merdeka, è un luogo di grande importanza storica a Kuala Lumpur. Fu qui, il 31 agosto 1957, che la Malesia segnò la sua indipendenza dal dominio britannico. Circondata da monumenti significativi come l’edificio Sultan Abdul Samad, spesso paragonato al “Big Ben” malese, e il Royal Selangor Club, la piazza è immersa nella storia. All’estremità meridionale della piazza si trova il Museo Nazionale della Storia, un tesoro di artefatti che raccontano il passato ricco di storie della Malesia, includendo reperti geologici antichi e importanti scoperte archeologiche.

Petronas Twin Towers

Un tempo gli edifici più alti del mondo, le Petronas dominano lo skyline di Kuala Lumpur. Progettate dall’architetto argentino César Pelli, queste torri, completate nel 1998, sono diventate un simbolo della crescita e dell’innovazione della Malesia. Quello che le rende davvero speciali è il loro design: ogni torre ha una struttura circolare a otto lobi che si innalza per 88 piani, sormontata da una cima a forma di piramide. Questo non è solo estetica; il design riflette l’arte islamica, in omaggio all’eredità musulmana della Malesia. Con i loro 452 metri di altezza, comprese le guglie, le torri sono un capolavoro ingegneristico. Ma il vero clou è il ponte che collega le due torri ai piani 41 e 42, offrendo una vista incredibile su Kuala Lumpur da oltre 370 metri. Consiglio di prenotare i primi o gli ultimi slot orari per un’esperienza più intima, poiché questi orari solitamente hanno meno visitatori. Ricordate, i biglietti vanno a ruba, quindi prenotateli in anticipo. Ho prenotato i miei su headout.com il 25 luglio e il primo slot disponibile era il 15 agosto!! Sono stata fortunata ad essere a KL per 8 giorni altrimenti me le sarei perse.

KL Tower

Durante il mio viaggio non sono riuscita a visitare la KL Tower, ma rimane una meraviglia di Kuala Lumpur e la torre di telecomunicazioni più alta del Sud-Est asiatico. Rinomata per le viste panoramiche sulla città, la KL Tower ospita una piattaforma di osservazione che offre una vista a 360 gradi sullo skyline della città. È una testimonianza del perfetto equilibrio tra modernità e tradizione di Kuala Lumpur. Nella mia prossima visita, la KL Tower sarà sicuramente nella mia lista di cose da vedere. Come per le Petronas, vi consiglio di prenotare in anticipo per assicurarvi un posto.

photo from Passage Thru India’s fb

Il Tempio di Thean Hou

Abbiamo visitato il Tempio Thean Hou ma questa volta, senza guida (la differenza si è sentita!). Questo tempio a sei piani, dedicato a Tian Hou Niang Niang o alla dea Mazu, è un esempio di bellezza architettonica, che fonde influenze del buddismo, confucianesimo e taoismo. La sua posizione su Robson Heights offre una bella vista sulla città, rendendolo un ottimo punto per foto panoramiche o semplicemente per godersi il panorama. La sala delle preghiere al quarto livello è adornata con lanterne, aggiungendo alla serena atmosfera del tempio. Inoltre, il tempio è un luogo popolare per matrimoni e attività culturali, comprese le grandi celebrazioni di compleanno delle Dee e le sessioni di canto buddista. Abbiamo trascorso meno di un’ora qui ed è stato più che sufficiente per assorbire la bellezza del luogo. FYI, visitate al mattino per godere di temperature leggermente più fresche.

KL Bird Park

Il KL Bird Park è uno dei più grandi parchi coperti per uccelli al mondo, con oltre 3.000 uccelli di più di 200 specie. Qui, la natura regna sovrana con aree di volo libero dove gli uccelli si aggirano senza barriere, creando un’atmosfera magica. Il parco è suddiviso in quattro zone: dalle aree dove gli uccelli volano liberi ai settori dedicati ai pappagalli coloratissimi, tra cui lorichetti e cacatue. Il KL Bird Park offre anche esperienze interattive, come sessioni di alimentazione e spettacoli di uccelli, rendendolo un luogo perfetto per scoprire la natura in un contesto urbano.

photo from Passage Thru India’s fb

Batu Caves (grotte di Batu)

Raggiungere le Batu Caves è facile: solo 20-30 minuti di corsa in Grab da Kuala Lumpur, e ci è costato circa €3-€4. Lo so, è incredibile quanto siano convenienti i Grab in Malesia (grazie in parte ai bassi prezzi del carburante). Essendo un luogo di culto induista, vestitevi adeguatamente—dovete coprire spalle e ginocchia: se non siete preparati, vi faranno comprare un sarong per 15RM. La salita al tempio è una lunga scalinata colorata che porta dritto nel cuore di una scogliera di calcare. È un po’ faticoso, ma ne vale assolutamente la pena. All’interno, troverete un tempio induista scavato nella grotta. Attenzione alle scimmie! Sono carine ma furbe, e non esitano a prendere il cibo direttamente dalle vostre mani: ho visto una rubare un gelato a un bambino! Un consiglio per chi vuole entrare nel tempio all’interno della grotta: vi faranno togliere le scarpe ma il pavimento è bagnato e sporco, quindi per evitare brutte sorprese magari portatevi delle coperture per i piedi! Quando siete pronti per tornare, evitate i taxi che aspettano fuori. Ho sentito che possono chiedere tariffe spropositate. La migliore opzione è prenotare un altro Grab. Altro consiglio: cercate di visitare le grotte la mattina e comunque prima delle 15:00 per evitare di rimanere imbottigliati nel traffico.

Museo delle arti islamiche

Il Museo delle Arti Islamiche di Kuala Lumpur è un tesoro di arte islamica, manufatti e manoscritti, provenienti da diversi periodi e regioni. È un mondo dove l’arte incontra la storia, esponendo calligrafie intricate, tessuti eleganti, ceramiche dettagliate e gioielli squisiti. Il museo, con la sua ambientazione serena e la bellezza architettonica, non è solo una mostra; è un’esplorazione immersiva nella ricca e variegata eredità culturale del mondo islamico.

Museo Nazionale della Malesia

Il Muzium Negara, o Museo Nazionale della Malesia, offre uno sguardo sulla ricca trama di storia e cultura della nazione. La sua architettura unica e le mostre attentamente curate spaziano dalle civiltà antiche alla Malesia contemporanea. All’esterno è possibile esplorare case tradizionali e modi di trasporto, mentre le gallerie interne sono piene di manufatti che raccontano storie dell’eredità diversificata della Malesia, offrendo un’esperienza educativa arricchente.

Shopping Malls

Se c’è una cosa che a Kuala Lumpur non manca, sono i centri commerciali. E credetemi, qui sanno come costruirli! Il Pavillion e il Suria nel KLCC sono assolutamente da vedere. Se invece siete alla ricerca di prodotti per la cura della pelle, fate un salto da Don Don Donki a Lot 10: un vero paradiso per cosmetici giapponesi e coreani (ragazze mi ringrazierete). Qui ho trovato prodotti unici, introvabili nel mio paese, a prezzi ragionevoli. Per chi cerca qualcosa di autenticamente malese, non potete perdervi il Batik malese. Questa forma d’arte tradizionale, con i suoi disegni intricati fatti a mano o stampati su tessuto, è spettacolare. Non è solo abbigliamento, ma anche opere d’arte in Batik. La maestria artigianale è incredibile e riflette in pieno il ricco patrimonio culturale della Malaysia. Perfetto sia come regalo che come ricordo personale del vostro viaggio. Piccolo consiglio: l’aria condizionata a Kuala Lumpur è POTENTE. Mentre fuori fa molto caldo, dentro i centri commerciali fa piuttosto freddo. Portate sempre qualcosa da mettervi addosso, mi ringrazierete!

Una Cooking Class Malese

A Kuala Lumpur, partecipare a una lezione di cucina malese è un’esperienza imperdibile per immergersi nella ricca e variegata cultura culinaria del paese. A seconda del periodo in cui prenotate, potreste immergervi in una gamma di stili culinari malesi: dai piatti autentici malei, che raccontano le tradizioni del paese, ai sapori intricati della cucina Nyonya, fino ai gusti vivaci e audaci del cibo di strada Mamak. Durante la lezione, potreste ritrovarvi a padroneggiare l’arte del Nasi Lemak, a preparare perfetti Roti Canai o a cuocere un invitante Curry Laksa. Ogni piatto non è solo una nuova abilità, ma anche una storia sul ricco mosaico culturale della Malaysia. È un’esperienza coinvolgente che va oltre la cucina, offrendo una comprensione e un apprezzamento più profondi del patrimonio alimentare del paese.


Dove Soggiornare a Kuala Lumpur: i migliori alloggi

Kuala Lumpur offre una varietà di sistemazioni adatte a ogni gusto e budget, a prezzi più convenienti rispetto a molte città europee. Potete trovare eccellenti stanze con prezzi che vanno dai €50 ai €150 euro a notte, offrendo un ottimo rapporto qualità-prezzo per la qualità e i servizi forniti. Ecco i posti dove consiglio di dormire a Kuala Lumpur, specialmente per chi visita la città per la prima volta.

KLCC (Kuala Lumpur City Centre)

Il KLCC si trova proprio nel cuore dell’azione, con facile accesso ai trasporti pubblici, rendendo la visita turistica un gioco da ragazzi. Sarete all’ombra delle iconiche Petronas e circondati da alcuni dei migliori centri commerciali della città. Le opzioni di alloggio qui sono di fascia alta, offrendo servizi di prim’ordine che rappresentano un ottimo rapporto qualità-prezzo. Questa è probabilmente l’area più costosa di KL per trovare un alloggio.

Ascott Star KLCC

Prezzo medio: €112 – €130 a notte

Ascott Star KLCC è come una casa lontano da casa, ma con un tocco di lusso. Immaginatevi di rilassarvi nella loro elegante piscina o di sorseggiare un drink al bar sulla terrazza – sì, hanno una terrazza strepitosa! Lo stile è un mix di comfort ed eleganza, rendendolo perfetto per famiglie o viaggiatori d’affari.

foto da booking.com
foto da booking.com

The RuMa Hotel and Residences

Prezzo medio: €134 – €144 a notte

The RuMa unisce il fascino tradizionale malese al lusso moderno. Hanno una splendida piscina a sfioro che sembra fondersi con lo skyline e il loro UR Spa è un paradiso per un po’ di relax serio. Lo stile dell’hotel ha un’atmosfera calda e accogliente, con un cenno alla cultura locale nel suo design. Gli ospiti non smettono di parlare dell’attenzione del personale e dell’incredibile buffet per la colazione. Inoltre, la sua posizione nel cuore di KL rende l’esplorazione della città estremamente semplice.

foto da booking.com
foto da booking.com

JW Marriott Kuala Lumpur

Prezzo medio: €99 – €140 a notte

Il JW Marriott a KL è come un piccolo angolo di lusso nel cuore della città. Immaginatevi di rilassarvi presso una fantastica piscina all’aperto o di esplorare le loro deliziose opzioni culinarie. Il posto mescola comfort moderni con un tocco di fascino locale. Gli ospiti adorano la sua posizione strategica per lo shopping e per le visite turistiche.

photo from booking.com
foto da booking.com

Grand Hyatt Kuala Lumpur

Prezzo medio: €134 – €194 a notte

Il Grand Hyatt è tutto incentrato su viste mozzafiato! Ha un fantastico sky lobby dove potete ammirare la città, più una piscina all’aperto stupenda. L’atmosfera è super elegante e moderna. Fidatevi, scatterete un sacco di foto della vista sulle Petronas Towers e del cibo eccellente che servono.

foto da booking.com
foto da booking.com

EQ Kuala Lumpur

Prezzo medio: €174 – €205 a notte

EQ Kuala Lumpur è molto stiloso. Hanno una piscina a sfioro perfetta per quei momenti Instagram e un sky bar da non perdere. L’hotel incarna un look elegante, e la spa è il luogo ideale per rilassarsi. Gli ospiti non ne hanno mai abbastanza delle viste sulla città e dell’atmosfera lussuosa.

foto da booking.com
foto da booking.com

Four Seasons Hotel Kuala Lumpur

Prezzo medio: €261 – €308 a notte

Il Four Seasons è il posto dove andare per sentirsi coccolati. Dispone di una splendida piscina all’aperto, incredibili strutture benessere e una gamma di ristoranti semplicemente fantastici. È un bellissimo mix di lusso moderno con un tocco di stile malese. Gli ospiti adorano essere accanto al parco KLCC: è come avere il meglio di entrambi i mondi.

foto da booking.com
foto da booking.com

Bukit Bintang

Per chi ama lo shopping e la vita notturna, Bukit Bintang è la zona ideale. Da sempre fulcro di intrattenimento e shopping, con centri commerciali lussuosi come il Berjaya Times Square e il Pavilion KL che sorgono accanto a negozi storici. La famosa strada Jalan Alor, un tempo cuore del quartiere a luci rosse, oggi è un paradiso per gli amanti dello street food. La gamma di hotel qui è ampia, con soluzioni che vanno dal lusso a opzioni più moderate. Ecco alcune raccomandazioni di hotel in Bukit Bintang:

KLoe Hotel

Prezzo medio: €76 – €100 a notte

Un angolo di creatività e relax nel cuore di Bukit Bintang. Il KLoe Hotel si distingue per il suo design moderno e accogliente, con una piscina che sembra un’oasi urbana. È la scelta ideale per chi cerca un’esperienza unica, immersa nell’arte e nella cultura, a due passi dal trambusto del quartiere.

foto da booking.com
foto da booking.com

Ceylonz Suites KLCC By Twin Tower View

Prezzo medio: €50 – 80 a notte

Questo hotel offre viste mozzafiato sulle Petronas grazie alla sua piscina panoramica sul tetto. Con camere moderne e confortevoli, è perfetto per chi desidera un soggiorno elegante nel cuore della città.

foto da booking.com
foto da booking.com

PARKROYAL COLLECTION Kuala Lumpur

Prezzo medio: €95 – 130 a notte

Un mix perfetto tra l’effervescenza urbana e un tocco di natura. Qui potrete godervi un tuffo nella piscina all’aperto e mantenere la forma fisica nella loro attrezzata palestra, il tutto nel bel mezzo del dinamismo di KL.

foto da booking.com
foto da booking.com

Meliá Kuala Lumpur

Prezzo medio: €80 – 114 a notte

Con il suo stile contemporaneo e internazionale, il Meliá offre un’accoglienza calorosa e si trova vicino a numerose attrazioni locali. È ideale per coloro che cercano un soggiorno confortevole e accessibile.

foto da booking.com
foto da booking.com

Capri by Freser

Prezzo medio: €88 – €111 a notte

Questo hotel propone un’esperienza unica con appartamenti dotati di ogni comfort, una piscina panoramica e un centro fitness all’avanguardia. È l’opzione perfetta per chi cerca un ambiente vivace e moderno.

foto da booking.com
foto da booking.com

The Ritz-Carlton

Prezzo medio: da €128 a notte

Per chi cerca il lusso, il Ritz-Carlton è una scelta imbattibile. Offre un’esperienza di soggiorno raffinata, con una spa lussuosa e opzioni gastronomiche di alto livello, nel cuore dell’azione di Kuala Lumpur.

foto da booking.com
foto da booking.com

Chinatown

Per chi cerca un’esperienza autentica nel cuore pulsante della tradizione malese, Chinatown è la scelta perfetta. Questo quartiere storico offre alloggi convenienti e immersi nella cultura locale, ideali sia per chi viaggia con un budget limitato sia per chi desidera esplorare la ricca storia di Kuala Lumpur. Qui trovate anche ostelli ma ecco due raccomandazioni di alloggio di fascia alta a Chinatown:

Else

Prezzo medio: €113 – 156 a notte

Situato nel vivace quartiere di Chinatown, Else è un boutique hotel dal design eclettico e moderno, che mette in risalto l’arte locale. È l’ideale per coloro che desiderano esplorare il cuore storico di Kuala Lumpur.

foto da booking.com
foto da booking.com

Four Points by Sheraton Kuala Lumpur, Chinatown

Prezzo medio: €66 – 126 a notte

Questo hotel offre una piscina all’aperto e un bar panoramico sul tetto, con una vista mozzafiato. Il design fresco e contemporaneo, arricchito da elementi locali, rende il soggiorno piacevole e rilassante, perfetto per godersi il fascino di Chinatown.

foto da booking.com
foto da booking.com


Dove Mangiare a Kuala Lumpur: i migliori ristoranti

Kuala Lumpur è un paradiso gastronomico che offre un’ampia gamma di ristoranti, food courts e street food. Ecco i migliori ristoranti a KL:

Frangipaani – cucina indiana

Questo ristorante, situato nel cuore di Bukit Damansara, vi porta in un viaggio sensoriale attraverso i sapori e gli aromi dell’India. Con un ambiente elegante ma accogliente, è l’ideale sia per occasioni speciali che per una serata informale. Non perdete il loro signature dish, il butter chicken (pollo al burro), me lo sogno ancora la notte — una vera e propria esplosione di gusto.

Quartiere: Bukit Damansara
Prezzo medio a persona: €35+ p.p.
Prenotazioni: tramite WhatsApp

Beta – cucina malese contemporanea

Situato nel centro di Kuala Lumpur, Beta è un ristorante con una stella Michelin che offre un ambiente chic e contemporaneo. Qui, la cucina malese si mescola con influenze moderne, creando un mix sorprendente di sapori e ingredienti. Non c’è il menu alla carta; qui dovrete scegliere tra due menù degustazione: il “Taste of Beta” (360RM) o il “Tour of Malaysia” (450RM), con la possibilità di aggiungere un abbinamento di cocktail per altri 230RM. Un’esperienza culinaria di alto livello.

Quartiere: KLCC
Prezzo medio a persona: €140+ p.p.
Prenotazioni: sul sito

Old China Cafe – Nyonya Cuisine

Nel cuore di Chinatown, l’Old China Cafe offre un tuffo nel passato. Questo caffè, con il suo arredamento vintage, è un tesoro nascosto di cucina Nyonya, un delizioso incrocio tra le tradizioni culinarie cinesi e malesi. I piatti da provare includono le loro laksa noodles, un piatto speziato e cremoso, e il beef rendang, lento nella cottura ma ricco di sapore. Questo luogo storico è perfetto per un pranzo rilassante dopo una passeggiata a Chinatown.

Quartiere: Chinatown
Prezzo medio a persona: €12 – €15
Prenotazioni: sul sito

Osteria Gamberoni – Italian Cuisine

Questo ristorante è un’oasi di cucina italiana in mezzo alla vivace Kuala Lumpur. L’Osteria Gamberoni offre un ambiente caloroso e autentico dove gustare piatti italiani preparati con maestria. Dai primi perfettamente cucinati ai frutti di mare freschi, il menu è un omaggio alla tradizione italiana. E se siete appassionati di carne, non perdetevi La Bisteccheria accanto, specializzata in carne. Per concludere in dolcezza, fate un salto da Crema Pasticceria per un irresistibile bombolone.

Quartiere: Chow Kit
Prezzo medio a persona: €60+
Prenotazioni: sul sito

Dewakan – contemporary Malaysian cuisine

Al 48° piano della Naza Tower, Dewakan non è solo un ristorante, ma un’esperienza culinaria a due stelle Michelin. Un ambiente elegante e minimalista fa da cornice a piatti innovativi che esplorano la ricchezza degli ingredienti locali della Malaysia. Ogni piatto del menu degustazione del Chef Darren Teoh (788RM) è una scoperta di ingredienti rari malesi, fermentati o stagionati in casa.

Quartiere: KLCC
Prezzo medio a persona: €160+
Prenotazioni: sul sito

Yun House – Cantonese cuisine

Situato all’interno dell’hotel Four Seasons, Yun House è il luogo ideale per assaporare la cucina cantonese in un ambiente raffinato ed elegante. Famoso per i suoi dim sum freschi e creativi, il ristorante offre un ampio menù à la carte che include piatti come melanzane fritte con cereali e anatra alla pechinese. Con la sua stella Michelin, è perfetto per occasioni speciali o per una cena di lusso.

Quartiere: KLCC
Prezzo medio a persona: €80+
Prenotazioni: sul sito

A Li Yaa – Sri Lankan Cuisine

Per un’esperienza culinaria unica, A Li Yaa porta i sapori dello Sri Lanka a Kuala Lumpur. Il ristorante, con il suo ambiente accogliente e decorazioni che riflettono la cultura dello Sri Lanka, è una vera celebrazione delle spezie e delle tecniche di cottura dello Sri Lanka. Dal curry ricco e corposo allo street food speziato e aspro, il menu di A Li Yaa offre una gamma diversificata di piatti che esaltano la complessità e la ricchezza del cibo dello Sri Lanka.

Quartiere: Bukit Damansara
Prezzo medio a persona: €25+
Prenotazioni: sul sito

Sushi Oribe – Japanese cuisine

Nascosto in Menara Keck Seng, Sushi Oribe è un ristorante della Guida Michelin, che offre un’esperienza mino set (400+RM) o omakase (560+RM) esclusiva. L’ambiente intimo, con solo otto posti al bancone, garantisce un’esperienza culinaria personalizzata. Lo chef, utilizzando ingredienti stagionali direttamente dal Giappone, crea set di sushi che sono un perfetto equilibrio tra tradizione e innovazione.

Quartiere: KLCC
Prezzo medio a persona: €80+
Prenotazioni: sul sito

Passage Thru India – Indian cuisine

Situato a Bukit Bintang, Passage Thru India è rinomato per la sua autentica cucina indiana. Il ristorante offre un’ampia varietà di piatti vegetariani, vegani e halal, rendendolo una scelta eccellente per gusti e diete diversi. Con un costo medio di circa 10-13€, è un’opzione accessibile per sperimentare la cucina indiana di qualità.

Quartiere: Bukit Bintang
Prezzo medio a persona: €15+
Prenotazioni: sul sito

photo from Passage Thru India’s fb

Sushi Ori – Japanese cuisine

Anche Sushi Ori, presente nella Guida Michelin, è noto per la sua eccezionale esperienza omakase (512RM). La competenza dello chef, combinata con ingredienti di alta qualità importati dal Giappone, crea un’esperienza culinaria unica. Con un focus sulla cucina giapponese tradizionale e su creazioni innovative, è una tappa obbligata per gli appassionati di sushi a Kuala Lumpur.

Quartiere: Bukit Bintang
Prezzo medio a persona: €100+
Prenotazioni: sul sito

foto dal loro sito

DE.WAN 1958 by Chef Wan – Malaysian cuisine

Situato al The LINC KL, DE.WAN 1958 offre un ambiente allegro e vivace che riflette la personalità esuberante dello Chef Wan. Combina sapori tradizionali malesi da tutta la Malaysia. L’interno, con la sua tavolozza tropicale, crea un’atmosfera fresca e invitante. Il menu, con piatti come succosi spiedini di pollo alla griglia e croccanti frittelle di gamberi, è un omaggio al meglio della cucina malese. Riconosciuto nella Guida Michelin, DE.WAN 1958 è ideale per un’autentica esperienza culinaria malese. Non l’ho provato personalmente, ma è stato raccomandato da un’amica malese di mia mamma.

Quartiere: Ampang
Prezzo medio a persona: €30+
Prenotazioni: sul sito

Raw Kitchen Hall – Latin Asian cuisine

Quando ho visitato Else durante il nostro tour di Chinatown, sono rimasta affascinata dall’atmosfera del suo bar e ristorante, Raw Kitchen Hall. Situato al piano terra dell’hotel Else a Kuala Lumpur, questo ristorante offre un menu ricco di sapori thailandesi e latini, unendo semplicità e audacia. L’ambiente, arricchito da ottima musica e un team cordiale, lo rende perfetto per tutto, dai brunch alcolici a cene intime.

Quartiere: Chinatown
Prezzo medio a persona: €40+
Prenotazioni: sul sito

Marini’s on 57 – Italian cuisine

Situato nei pressi delle iconiche Petronas Twin Towers, Marini’s on 57 offre una vista mozzafiato su Kuala Lumpur. La combinazione di una cucina italiana squisita e lo sfondo luminoso delle luci della città crea un’esperienza culinaria indimenticabile, ideale per una serata speciale.

Quartiere: KLCC
Prezzo medio a persona: €80+
Prenotazioni: sul sito

Food Courts a Kuala Lumpur

I food courts di Kuala Lumpur sono veri e propri punti di riferimento culinari, ognuno con il suo gusto distintivo. Al Malaysia Boleh! Food Court, all’interno del Four Seasons, vicino alle Petronas Twin Towers, troverete un paradiso di street food che ricrea l’atmosfera dei Kopitiam degli anni ’70. Qui potrete assaggiare piatti tradizionali malesi come Penang Fried Carrot Cake e Yoko Chilly Pan Mee. Al Suria Food Court, nel Suria KLCC, perfetto per una pausa gustosa tra un acquisto e l’altro, troverete una varietà di opzioni che soddisfano tutti i palati. Nel vivace Bukit Bintang, il Pavilion Food Court spicca con famosi ristoranti e catene come Din Tai Fung e Dragon-i, celebri per il loro Xiao Long Bao e l’Anatra alla Pechinese. È il luogo ideale per immergersi nell’effervescente scena culinaria di Kuala Lumpur. Infine, il Lot 10 Food Court offre un mix di cucine giapponesi, malesi e internazionali, riflettendo il melting pot culturale della città. In più, pranzare o cenare nei food courts è davvero economico! Se volete assaporare la vera cucina locale, considerate un street food tour a Kuala Lumpur!


Bar e Rooftop Bars di Kuala Lumpur

La scena dei rooftop bar a Kuala Lumpur è qualcosa che non potete perdervi. Anche se non mi sono immersa completamente nella vita notturna di KL, ho avuto modo di sperimentare il Sky51 all’EQ Hotel e il Marini’s on 57. Entrambi offrono viste mozzafiato su Kuala Lumpur e cocktail eccezionali. Non dimenticate di prenotare sempre.

Sky51 all’EQ Hotel: Situato in cima all’EQ Hotel, Sky51 regala una vista pazzesca su Kuala Lumpur. Un luogo elegante dove trascorrere una serata sofisticata, sorseggiando cocktail in un’atmosfera chic. Ricordatevi di prenotare, per assicurarvi un posto in questo angolo esclusivo della città.

Marini’s on 57 Rooftop bar: Al 57° piano della Petronas Tower 3, Marini’s è un locale famoso per la sua vista sulle Petronas. Qui puoi sorseggiare cocktail di qualità in un’atmosfera festaiola. Nel weekend c’è anche il DJ che suona. Anche qui, non scordarti di prenotare.

La vita notturna di Kuala Lumpur però non si ferma ai rooftop bar. La città è animata anche da una scena di speakeasy in piena espansione, con locali nascosti che vanno da bar dietro negozi di giocattoli in edifici pre-guerra a Chinatown a locali più riservati ed esclusivi. Queste gemme nascoste, come PS150 e The Berlin KL, offrono un’esperienza notturna intima e unica. Come per i rooftop, anche per questi locali la prenotazione è fondamentale.


Le migliori gite di 1 giorno da Kuala Lumpur

La posizione centrale di Kuala Lumpur la rende un punto di partenza ideale per diverse escursioni giornaliere. Ecco alcune idee di gite di 1 giorno da Kuala Lumpur:

Melaka (Malacca)

A circa 2,5 ore di auto da KL, Melaka è famosa per la sua ricca storia. Iniziate esplorando la Dutch Square, visitate la Christ Church e salite su St. Paul’s Hill per una vista panoramica. Non perdetevi l’iconica Fortezza A’Famosa e lo Stadthuys per uno sguardo nel passato. Per una vista unica sulla città, dirigetevi verso lo Shore Sky Tower. Godetevi anche la street art e terminate la giornata con una rilassante crociera sul fiume Malacca. Melaka è anche famosa per lo street food, specialmente lungo Jonker Street. Vi consiglio di prendere un autobus o un trasferimento privato per arrivarci e poi prenotare un tour guidato per esplorare la città con una guida locale.

Foto di Photo So Beautiful su Unsplash

Cameron Highlands

Le Cameron Highlands con le loro distese di piantagioni di tè sono un posto magico. Ma tenete presente che un’escursione di un giorno è piuttosto un’ammazzata a causa del viaggio di 3,5 – 4 ore da Kuala Lumpur. Consiglio fortemente un pernottamento di una notte per apprezzare pienamente l’area. Per di più, se siete interessati a esplorare le piantagioni di tè, la BOH Tea Plantation è un must per i suoi scenari (ma i tour guidati di 1 giorno che partono da KL di solito vi portano in un’altra piantagione di tè, non alla BOH). Un altro punto stupendo è la Mossy Forest, nota per il suo paesaggio etereo e antico. Se avete già visto le piantagioni di tè in un altro paese del sud-est asiatico, non consiglierei un’escursione di un giorno. Se invece desiderate passare la notte nelle Cameron Highlands, consultate la mia guida su cosa fare e dove soggiornare nelle Cameron Highlands per vivere al meglio l’esperienza.

Scegliete solo santuari di elefanti etici

Se, come me, avete il sogno di incontrare gli elefanti nel vostro viaggio in Malesia, fate attenzione nella scelta dei santuari. L’idea di vedere gli elefanti è stupenda ma ho scoperto che molti “santuari” offrono esperienze poco etiche, come le passeggiate sugli elefanti, che sono dannose per loro. So che non interessa a tutti ma è essenziale trovare posti dove gli elefanti vivono liberi e sono rispettati, senza essere forzati a interagire con l’uomo.

In base alle mie ricerche, il posto migliore per avvistare gli elefanti è nel Sabah, nel Borneo malese. Qui troverete alcuni lodge immersi nella foresta pluviale con ranger che vi portano in giro. Sembra stupendo! Mentre per quanto riguarda i santuari di elefanti vicino a Kuala Lumpur, non ho trovato posti che considererei etici. Se avete trovato qualcosa, fatemi sapere nei commenti!


Quanti Giorni Dovresti Restare a Kuala Lumpur?

Sebbene io abbia trascorso un totale di 8 giorni a KL, principalmente perché i miei genitori vivono lì, per la maggior parte dei viaggiatori consiglierei 2-3 notti per vivere veramente l’essenza della città. Questa durata ti permette di esplorare le principali attrazioni e concederti la cucina locale. Per arricchire la tua esperienza, considera di alloggiare in uno degli hotel consigliati che ho menzionato in precedenza, garantendoti un soggiorno confortevole e memorabile.

Come Arrivare a Kuala Lumpur

L’aeroporto di Kuala Lumpur è ben collegato globalmente, rendendo la città una meta accessibile per i viaggiatori. Noi abbiamo volato con Emirates da Roma con scalo a Dubai, suddividendo il volo in segmenti gestibili di circa 5 e 7 ore. Ci sono anche voli diretti da città come Istanbul (Turkish Airlines) e Londra (British Airways). Mentre i voli diretti sono comodi, possono essere piuttosto lunghi, specialmente in classe economica e per persone più alte, quindi pianifica in base alle tue preferenze di comfort.

Come fare per avere internet in Malesia?

Non complicarti la vita, basta acquistare una sim virtuale. Io l’ho acquistata tramite Airalo. È un servizio di SIM virtuale che ti permette di avere una SIM locale direttamente sul tuo smartphone, senza togliere la tua. Questo servizio è la salvezza, offrendo accesso a dati mobili affidabili e a buon mercato, senza la necessità di una SIM fisica. Facilissimo da usare e hanno piani diversi a seconda dei giorni che stai nel paese. Io ne ho presa una per tre settimane in Malesia e una per 7 giorni a Singapore. Super consigliato!

Come Spostarsi a Kuala Lumpur

A Kuala Lumpur, Grab è il principale mezzo di trasporto che abbiamo utilizzato. È simile a Uber, incredibilmente conveniente e facile da usare; la maggior parte delle corse costa circa €2-3. Basta scaricare l’app e sei pronto. Mi raccomando, fai attenzione al traffico, specialmente durante le ore di punta del mattino e della sera. Il traffico diventa ingestibile, e potresti rimanere bloccato per molto tempo. A Kuala Lumpur, l’ora di punta del mattino di solito inizia alle 7 del mattino, estendendosi fino alle 9 o 10. Questo è il momento in cui le strade della città sono più affollate dai pendolari. Per l’ora di punta serale, le cose cominciano a congestionarsi intorno alle 16, con il picco che spesso si verifica alle 18. Il traffico serale può continuare a essere intenso fino alle 20. Tieni presente che questi orari possono leggermente variare a seconda di dove ti trovi in città. Tenere presente questi periodi di traffico intenso è fondamentale quando pianifichi i tuoi spostamenti intorno a Kuala Lumpur per evitare il peggio del traffico. Un’altra alternativa è la metropolitana. Il sistema di metropolitana a KL è efficiente ed è un’ottima opzione per spostarsi in città. È ben collegato e offre un’alternativa veloce ai viaggi su strada.

Quando Andare a Kuala Lumpur

Kuala Lumpur è una destinazione adatta tutto l’anno grazie al suo clima equatoriale, che mantiene un clima costantemente caldo e umido. Tuttavia, i periodi migliori per visitarla sono le due stagioni di punta: da dicembre a febbraio e da maggio a luglio. In questi periodi il clima è più asciutto e le temperature sono più confortevoli, perfette per le attività all’aperto e per esplorare la città. Dicembre porta allegria natalizia, mentre da maggio a luglio è ideale per l’osservazione degli uccelli e i parchi divertimenti. La stagione intermedia, tra aprile e agosto, offre un clima leggermente più asciutto, adatto per attività al chiuso come lo shopping e la visita degli acquari. Tuttavia, nei mesi fuori stagione, da febbraio a marzo e da settembre a novembre, si verificano piogge più intense e un’umidità più elevata nel pomeriggio, il che potrebbe rendere meno confortevoli le attività all’aperto.

Malaysia Digital Arrival Card (obbligatoria)

A partire da gennaio 2024, se stai pensando di visitare la Malesia, non dimenticare di compilare la Malaysia Digital Arrival Card. È un processo rapido e ti spiego come procedere:

  1. Via sul sito ufficiale non prima di tre giorni prima del tuo arrivo e compila il form. Non provare a farlo prima, non verrà accettato!
  2. Inserisci i tuoi dati personali, tenendo a portata di mano il passaporto per alcune informazioni necessarie.
  3. Aggiungi le informazioni sul tuo volo e sull’indirizzo in cui alloggerai.

Ogni volta che rientri in Malesia, dovrai ripetere la procedura, ma impiega solo qualche minuto. Dopo aver inviato tutto, riceverai via email la carta che dovrai stampare e portare con te.

Questa procedura è obbligatoria per la maggior parte dei viaggiatori, ma ci sono delle eccezioni per diplomatici, residenti in Malaysia, cittadini di Singapore e altri casi specifici. Visita il sito ufficiale per i dettagli e per verificare se puoi esonerarti dalla compilazione.

Author

I'm the daughter of an Italian family of diplomats, the second of three children, and a global citizen. I've lived in 7 cities around the world, I have a gigantic crush on Italy and my name has been mispronounced more times than I can remember.

Lascia un commento

Exit mobile version