Cosa vedere in Malesia e Singapore in 3 settimane

Sono appena rientrata da un viaggio affascinante di 3 settimane tra Malesia e Singapore. È stata la mia prima avventura in Asia e nel Sudest Asiatico, e devo dire che è stato amore a prima vista. Queste due destinazioni offrono un mix sorprendente di modernità e meraviglie naturali. Se vuoi esplorare i luoghi imperdibili di Kuala Lumpur, immergerti nelle piantagioni di tè delle Cameron Highlands, tuffarti nel paradiso subacqueo delle Isole Perhentian, avventurarti nella foresta pluviale per scoprire le grotte nascoste del Parco Nazionale di Mulu, o ammirare lo skyline futuristico di Singapore, sei nel posto giusto. Che tu sia in piena nostalgia post-viaggio, in fase di pianificazione della tua prossima avventura o semplicemente alla ricerca di evasione, seguimi per scoprire il mio itinerario tra Malesia e Singapore.

Perchè andare in vacanza in Malesia

La Malesia offre un’esperienza di viaggio autentica e memorabile. Non è semplicemente un altro paese del Sud-Est Asiatico; è un caleidoscopio di culture, paesaggi e sensazioni che ti lasciano qualcosa di speciale. Quello che mi ha rubato il cuore è il contrasto netto: Kuala Lumpur è un vero e proprio playground cosmopolita, ma basta allontanarsi un po’ per scoprire un mondo completamente diverso. Dallo splendido mix di religioni alla scena culinaria che è un vero melting pot di sapori, la Malesia rappresenta un perfetto equilibrio tra contrasti e armonia. E non dimentichiamo i paesaggi: spiagge da sogno, architetture coloniali, vivaci quartieri come Chinatown e foreste pluviali mozzafiato che ti invitano a riconnetterti con la natura.

In più, le persone hanno un calore che ti conquista subito. È facile orientarsi, visto che la maggior parte dei malesi parla inglese. Questo paese ha un’atmosfera rilassata che ti fa scordare lo stress quotidiano. La Malesia non è solo una meta, è un’esperienza che ti rimarrà nel cuore.

Malesia e Singapore: Itinerario di Viaggio

Quando andare in Malesia

La Malesia si trova in una regione geografica unica, quasi a cavallo dell’equatore. Si divide in due parti principali: la Malesia Peninsulare, una striscia di terra che si estende dalla Thailandia fino a Singapore, e il Borneo Malese, condividendo i confini con Indonesia e Brunei. Entrambe le regioni vivono un clima tropicale tutto l’anno, ma le loro stagioni dei monsoni sono diverse.

La stagione secca, da marzo a ottobre, è ideale per visitare tutta la Malesia. Mentre la stagione delle piogge, da novembre a febbraio, porta piogge intense nel pomeriggio e alla sera. Quindi, se ti stai immaginando su una spiaggia paradisiaca, visita la Malesia nella stagione secca. Ma entriamo in più dettaglio.

La Malesia Peninsulare

La Malesia Peninsulare è il cuore pulsante del paese e include la capitale, Kuala Lumpur. Confina con la Thailandia a nord e con Singapore a sud. Ecco i momenti migliori per visitarla:

  • Costa Est (Isole Perhentian, Redang, Tioman, Terengganu, Kelantan): Qui il monsone va da novembre a febbraio. Quindi, meglio evitare questo periodo (anche perché la maggior parte dei resort sono chiusi) e visitare questa zona da marzo a ottobre.
  • Costa Ovest (Penang, Langkawi, Port Dickson, Malacca): Questa parte è più protetta e visitabile tutto l’anno. Quindi, se vieni a dicembre/gennaio, queste sono delle zone accessibili. Ci sono comunque piogge, ma di solito sono brevi e intense nel pomeriggio.
  • Highlands (Cameron Highlands, Genting Highlands): Queste stazioni collinari hanno un clima più fresco e sono visitabili tutto l’anno. Anche se piove, il clima è piacevole e offre una fuga rinfrescante.

Nota: Se stai pensando di visitare la Malesia durante la stagione delle piogge, tieni a mente che potrai solamente esplorare la costa occidentale della Malesia Peninsulare (come Penang, Langkawi, ecc.). Ma onestamente,  se vieni in Malesia solo per questo, valuta se vale la pena il viaggio dall’altra parte del mondo, a meno che tu non decida di abbinarlo con una visita a Koh Lipe in Thailandia, per esempio.

Il Borneo Malese

Situato sull’isola del Borneo e confinante con Indonesia e Brunei, comprende Sabah, Sarawak e il Territorio Federale di Labuan. Ecco i migliori periodi per visitare il Borneo Malese:

  • Sabah (Kota Kinabalu, Monte Kinabalu, Sepilok, Isola di Sipadan): Nel Sabah le piogge vanno da novembre a febbraio, ma ci sono acquazzoni durante tutto l’anno. I siti di immersione come Sipadan possono essere meno influenzati dal clima stagionale.
  • Sarawak (Kuching, Grotte di Mulu, Parco Nazionale di Bako): I mesi più piovosi sono da novembre a febbraio. Tuttavia, come nel Sabah, la pioggia può presentarsi in qualsiasi momento dell’anno, ma di solito è breve nella stagione secca.

Consiglio: Se visiti durante la stagione delle piogge, privilegia le attrazioni interne meno influenzate dalle piogge, come il Parco Kinabalu o le attrazioni culturali di Kuching.

Malesia e Singapore: itinerario di viaggio

Luoghi da vedere in Malesia: il mio itinerario

In tre settimane, si può davvero scoprire molto della Malesia e Singapore. La nostra filosofia di viaggio predilige un approccio slow travel, concentrandoci su pochi luoghi selezionati per vivere un’esperienza autentica, immersi nella cultura e nei paesaggi. Ecco un dettaglio del nostro itinerario di tre settimane, perfetto per chi cerca consigli di viaggio, destinazioni imperdibili e avventure uniche tra Malesia e Singapore.

KL (Kuala Lumpur)

Il cuore pulsante della Malesia, Kuala Lumpur è molto più delle sue iconiche Torri Petronas. Tra il fascino d’altri tempi dell’edificio Sultan Abdul Samad a Merdeka Square e il vivace street food di Jalan Alor, è una città di contrasti. Goditi la scena culinaria, dai hawker centers ai ristoranti gourmet. E non perderti la vista dai rooftop! Se vuoi scoprire i segreti di Chinatown, ti consiglio di fare un tour guidato. Dai un’occhiata alla mia guida completa su Kuala Lumpur tutte le informazioni dettagliate.

  • Ideale per: esploratori urbani, amanti del cibo e dell’architettura contemporanea
  • Soggiorno consigliato: 2-3 notti
  • Hotel consigliato: uno con piscina sul tetto e situato nel KLCC, fa la differenza. Puoi trovare posti incredibili a prezzi accessibili. Dai un’occhiata all’Ascott Star KLCC, al RuMa Hotel & Residences, e all’EQ Hotel. Ma ce ne sono molti altri.
Malesia e Singapore: Itinerario di Viaggio

Cameron Highlands

Questa è la Malesia che offre un piacevole contrasto al caldo e all’umidità delle pianure. Con le sue piantagioni di tè, fattorie di fragole e sentieri nelle foreste, offre un tranquillo rifugio a sole 4 ore di macchina da Kuala Lumpur. Leggi la mia guida completa sulle Cameron Highlands per tutti i miei consigli.

  • Ideale per: amanti della natura e fotografi.
  • Soggiorno consigliato: 1 massimo 2 notti
  • Hotel consigliato: senza dubbio il Cameron Highlands Resort
Malesia e Singapore: Itinerario di Viaggio
Malesia e Singapore: Itinerario di Viaggio

Isole Perhentian

Un angolo di paradiso per chi ama il mare e le immersioni. Immagina acque cristalline, tartarughe, squali e tramonti mozzafiato. Abbiamo soggiornato nell’isola di Kecil Perhentian, che consiglio assolutamente. Rimarrai sorpreso da quanto queste isole siano poco affollate, specialmente se vieni dall’Italia dove ogni metro quadrato di spiaggia è occupato! Leggi la mia guida completa sulle Isole Perhentian per vivere al meglio la tua vacanza.

  • Ideale per: chi ama la spiaggia, gli snorkelisti, gli amanti della natura e i subacquei.
  • Soggiorno consigliato: 5-6 notti
Malesia e Singapore: Itinerario di Viaggio
Malesia e Singapore: Itinerario di Viaggio

Parco Nazionale di Mulu

Situato nel Sarawak, nel Borneo malese, questo sito patrimonio dell’UNESCO vanta incredibili formazioni carsiche, vasti sistemi di grotte e un ecosistema diversificato. Qui ti ritroverai a camminare in una foresta pluviale tropicale. Era la mia prima esperienza con paesaggi così impressionanti. Per non parlare del rumore della foresta! Per chi è abituato al Sud-Est Asiatico potrebbe trovare questi scenari meno sorprendenti, ma comunque incredibilmente affascinanti.

  • Ideale per: avventurieri, escursionisti e amanti della natura
  • Soggiorno consigliato: 2-3 notti (5 notti se vuoi raggiungere i pinnacoli, che richiedono un campeggio di 3 giorni)
  • Hotel consigliato: il Mulu Mariott Resort, l’unica opzione in zona anche se il cibo non è il massimo.
Malesia e Singapore: Itinerario di Viaggio
Malesia e Singapore: Itinerario di Viaggio

Singapore

La città-stato di Singapore è un autentico spettacolo visivo, con il suo skyline futuristico e distretti commerciali di alto livello. Ma è anche un paradiso gastronomico. I centri hawker qui sono leggendari, offrendo una gamma incredibile di opzioni culinarie diverse, deliziose ed economiche che incarnano il tessuto multiculturale della città. La vita a Singapore è organizzata in modo impeccabile ed è incredibilmente pulita, stabilendo uno standard globale per la vita urbana. Nonostante non faccia più parte della Malesia dal 1965, la vicinanza geografica la rende un’estensione naturale di qualsiasi viaggio malese, mantenendo un mix unico di culture.

  • Ideale per: amanti dello shopping, architettura, esploratori urbani e appassionati di gastronomia.
  • Soggiorno consigliato: 2-3 notti
  • Hotel consigliato: Abbiamo soggiornato al Citadines Raffles Place, situato nel cuore finanziario e a breve distanza da Chinatown. Lo raccomando vivamente per le sue camere moderne, l’incredibile vista sui grattacieli e un ottimo rapporto qualità-prezzo.
Malesia e Singapore: Itinerario di Viaggio
Malesia e Singapore: Itinerario di Viaggio

Altre mete per un viaggio di 3 settimane in Malesia

Noi abbiamo trascorso un totale di 8 giorni a Kuala Lumpur, sfruttandola come base per le nostre avventure in Malesia. Questo perché i miei genitori vivono attualmente nella città, quindi è stata una permanenza a doppio scopo che ci ha permesso di trascorrere del tempo con loro. Sicuramente potevamo vedere più posti ma usare KL come base ci a permesso di partire per le varie mete sempre e solo con un bagaglio a mano. Anche se non tutti hanno la fortuna di avere una “casa lontano da casa” a KL, è davvero vantaggioso viaggiare solo con un bagaglio a mano: rende l’esperienza di viaggio molto più semplice.

Ma tornando a noi, considerato che ti ho suggerito di soggiornare un massimo di 3 notti a KL, questo libera altri 6 giorni per esplorare altre mete in Malesia. Anche se non ho visitato personalmente le seguenti destinazioni consigliate, le ho accuratamente ricercate e ho chiesto consiglio agli amici malesi dei miei genitori! A seconda dei tuoi interessi, puoi personalizzare il tuo itinerario.

Sabah

Immagina di nuotare con le tartarughe, incontrare nudibranchi rari ed essere circondato da banchi di pesci. Ma il Sabah è molto più del suo mondo sottomarino. Gli escursionisti possono scalare il Monte Kinabalu, la vetta più alta del Sud-Est Asiatico, mentre gli appassionati di fauna possono avventurarsi nel cuore delle foreste pluviali del Borneo per avvistare oranghi e elefanti pigmei (il Sepilok Orangutang Rehabilitation Center sembra il posto migliore dove avvistare gli oranghi, si trova in Sandakan). Ma attenzione, è importante essere a conoscenza di alcuni rischi. Sebbene il Sabah sia generalmente sicuro, la costa orientale vicino alle Filippine ha avuto casi di rapimenti e pirateria.

  • Ideale per: appassionati di immersioni, amanti della natura, escursionisti e appassionati di fauna selvatica.
  • Soggiorno consigliato: 4-5 notti

Penang

Immersa nella storia e nelle esperienze gastronomiche, Penang offre un mix di Oriente e Occidente nella sua architettura e cucina. Non perdere George Town, un sito del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, con i suoi edifici coloniali britannici, le shophouse cinesi e le moschee. Esplora il Tempio Kek Lok Si, uno dei più grandi templi buddisti del Sud-Est Asiatico, e concediti del cibo di strada tra i migliori, specialmente nei centri hawker come Gurney Drive. Visita The Habitat, consigliato da un’amica di mia mamma.

  • Ideale per: culturisti e appassionati di gastronomia.
  • Soggiorno consigliato: 2-3 notti

Ipoh

Ipoh è una gemma nascosta situata a metà strada tra KL e Penang. Troverai dei piatti locali difficili da trovare altrove. Scopri il Tempio delle Grotte di Perak, un meraviglioso tempio buddista situato all’interno di una grotta calcarea, e rilassati al Lost World of Tambun, un parco a tema che include anche rilassanti sorgenti termali. Per un soggiorno fuori scala, prenota al Banjaran Hotsprings Retreat.

  • Ideale per: esploratori culinari e appassionati di storia.
  • Soggiorno consigliato: 1-2 notti

Langkawi

Non aspettarti le acque cristalline delle Perhentian qui. Ma anche se Langkawi non vanta le acque cristalline di altre mete tropicali, l’isola rivela la sua vera bellezza nell’entroterra. Goditi una salita panoramica in funivia sulla cima del Gunung Mat Cincang e passeggia sul Sky Bridge per viste mozzafiato sull’isola. Un tour in barca attraverso il Kilim Karst Geoforest Park offre uno sguardo su un diversificato ecosistema di mangrovie popolato da aquile, granchi violinisti e scimmie. Puoi anche concederti dello shopping duty-free, rendendo quest’isola una meta di viaggio diversificata. Per un vero trattamento di lusso, soggiorna al Datai o al Ritz Carlton. Se non puoi soggiornarci, almeno vai per pranzo.

  • Ideale per: Amanti della natura in cerca di avventure nell’entroterra e acquirenti alla ricerca di affari duty-free.
  • Soggiorno consigliato: 2 notti

Taman Negara

Il Taman Negara è sede di una delle foreste pluviali tropicali più antiche al mondo. Avventurati nella giungla per un trekking di più giorni, osserva uccelli esotici e mammiferi rari e percorri uno dei ponti sospesi più lunghi al mondo, lungo 530 metri. Per un’esperienza unica, fai un safari notturno per scorgere gli abitanti notturni della foresta.

  • Ideale per: Escursionisti intraprendenti e appassionati di osservazione della fauna.
  • Soggiorno consigliato: 2-3 notti

Le cose da sapere prima di partire per la Malesia

Prima di iniziare il tuo viaggio in Malesia, è importante essere preparati. Ecco alcune cose da tenere in considerazione, da cosa mettere in valigia agli spostamenti.

Cosa mettere in valigia

  • Abbigliamento per il giorno: Per le tue escursioni giornaliere opta per T-shirt, canotte, pantaloni leggeri o gonne – ideali per affrontare il caldo e l’umidità. Scegli tessuti traspiranti per maggiore comfort. Quando visiti luoghi sacri come templi o moschee, è necessario vestirsi in modo appropriato, coprendo spalle e ginocchia. In posti come le Grotte di Batu, puoi acquistare un sarong per circa 15RM (3 €) per coprirti adeguatamente, qualora non fossi vestito in maniera appropriata.
  • Outfit per la sera: A Kuala Lumpur e in altre aree urbane, un look più raffinato è richiesto per bar e ristoranti alla moda. Includi nel tuo bagaglio abiti da cocktail o outfit smart casual per queste occasioni.
  • Attrezzatura da Trekking: Se hai in programma escursioni nelle Cameron Highlands o nelle foreste pluviali, non dimenticare scarpe da trekking robuste e shorts comodi. Noi abbiamo trovato tutto il necessario da Decathlon a KL.
  • Repellente per Insetti: Tutti mi chiedono se in Malesia è pieno di insetti. Onestamente, ne ho visti molti pochi ma in climi tropicali, gli insetti sono all’ordine del giorno. Acquista un buon repellente per tenere lontane le zanzare. Per il Parco Nazionale di Mulu, abbiamo utilizzato delle patch repellenti che attaccavamo ai nostri pantaloncini. Gli insetti non si sono mai avvicinati. Ti consiglio di acquistare queste cose direttamente li, credo abbiano prodotti migliori!
  • Costumi da Bagno: Assolutamente necessari per goderti le acque cristalline delle Isole Perhentian o per tuffarti in una rooftop pool a KL.
  • SOS Aria condizionata: Io sono un’amante dell’aria condizionata, ma fidati, se vai in un posto al chiuso a Kuala Lumpur, portati un blazer o un maglione per coprirti. Mentre fuori fa davvero caldo, nei shopping malls, nei ristoranti e nei veicoli l’aria condizionata è a palla.
  • Medicinali: Il penultimo giorno nelle Isole Perhentian mi è venuta una cistite terribile. Di solito sono rare per me, ma quando accade, una dose di Monuril (noto come Monurol in Malesia) è la soluzione. Solitamente lo porto sempre ma ahimè questa volta l’ho dimenticato. Ho consultato un medico locale che mi ha prescritto un altro antibiotico, che però non è stato efficace. Ho dovuto rinunciare a nuotare, bere cocktail e mangiare cibo piccante per cinque giorni ed è stato davvero spiacevole. Quindi un consiglio: non dimenticare di mettere in valigia una serie di medicinali tra cui antibiotici e fermenti lattici.

Nota sugli Aeroporti fuori KL: Quando lasci Kuala Lumpur per volare verso aeroporti come Kota Bharu o Miri, ad esempio, preparati a trovare aeroporti molto piccoli con quasi zero servizi. Le condizioni dei bagni lasciano a desiderare e non è raro trovare i bagni degli aeroporti senza carta igienica. Quindi, per sicurezza, porta con te delle salviette.

Quanto costa un viaggio di 3 settimane in Malesia e Singapore

Il costo del tuo viaggio in Malesia cambia un bel po’ a seconda del tuo stile: se sei un viaggiatore attento al budget, un backpacker, o un amante del lusso. Se cerchi di risparmiare, trovi ostelli e sistemazioni molto basic dai $10 ai $30 a notte, rendendo la Malesia super conveniente. Se invece preferisci il comfort, il mid-range/lusso in Malesia è abbastanza accessibile, con prezzi che variano tra €100 e €250 a notte, un affare se pensi ai prezzi europei.

Il nostro viaggio di 3 settimane è stato un mix di lusso ed esperienze locali autentiche. Se anche a te piace questo stile di viaggio, preparati a un budget considerevole: solo per il soggiorno, calcola tra i $2,100 e i $5,250 per 21 giorni (circa €1050 – €2125 a persona). Aggiungi poi cibo, trasporti, attività e altre spese, e ti troverai a spendere all’incirca €50 – €100 al giorno a persona. Un budget totale ragionevole si aggira intorno ai $2,100-$4,225 a persona, che ti permette di goderti il meglio di entrambi i mondi.

*Questa stima non include il volo internazionale; ad esempio, il nostro biglietto A/R con Emirates è costato €1,386 a persona, con uno scalo a Dubai che ci ha spezzato il viaggio in due voli da 5 e 7 ore l’uno. Al ritorno avevamo uno scalo di 8 ore ed eravamo stanchissimi, abbiamo prenotato una stanza per un po’ di ore al Dubai International Hotel che ci ha davvero svoltato lo scalo. Super consigliato.

Un consiglio: per ottenere i migliori prezzi, prenota i tuoi alloggi e i tuoi voli in anticipo, non all’ultimo minuto. Noi abbiamo prenotato alcuni alloggi e voli interni all’ultimo e abbiamo speso molto più di quanto avremmo potuto se avessimo prenotato con qualche mese di anticipo. Devo dire che trip.com si è rivelato molto utile, ci ha fatto risparmiare oltre €100 per dei voli interni.

Come muoversi in Malesia

Muoversi in Malesia? Facile e vario, ecco le opzioni:

  • In Aereo: Per spostamenti lunghi, specialmente verso il Sabah e il Sarawak nel Borneo, l’aereo è il modo migliore. Noi abbiamo volato con Malaysia Airlines, ma AirAsia è un’alternativa più economica. Un consiglio: prenota i biglietti in anticipo per risparmiare.
  • In Treno: Ottimo per viaggiare tra le città nella Penisola Malese, ma nel Borneo Orientale le opzioni scarseggiano.
  • In Bus: I bus sono un’opzione economica e confortevole per spostarsi tra le città, anche se non sono i più veloci.
  • Trasferimenti Privati: Per comodità e brevi distanze, soprattutto in gruppo, i trasferimenti privati sono una buona scelta. Ad esempio, noi abbiamo preso un transfer privato sia da Kuala Lumpur per le Cameron Highlands che da Kota Bharu a Kuala Besut per poi imbarcarci verso le Isole Perhentian.
  • Metro: Disponibile nelle grandi città come Kuala Lumpur.
  • Grab: Questa app di ride-sharing è super diffusa e comodissima. I costi? Dai €1 ai €3 a corsa. Evita i taxi tradizionali, ci è stato detto che spesso gonfiano i prezzi e non usano il tassametro.

Consiglio: se non sei abituato a guidare a destra o non ti senti a tuo agio con il traffico malese, meglio lasciar perdere il noleggio auto.

Malaysia Digital Arrival Card (obbligatoria)

A partire da gennaio 2024, se stai pensando di visitare la Malesia, non dimenticare di compilare la Malaysia Digital Arrival Card. È un processo rapido e ti spiego come procedere:

  1. Via sul sito ufficiale non prima di tre giorni prima del tuo arrivo e compila il form. Non provare a farlo prima, non verrà accettato!
  2. Inserisci i tuoi dati personali, tenendo a portata di mano il passaporto per alcune informazioni necessarie.
  3. Aggiungi le informazioni sul tuo volo e sull’indirizzo in cui alloggerai.

Ogni volta che rientri in Malesia, dovrai ripetere la procedura, ma impiega solo qualche minuto. Dopo aver inviato tutto, riceverai via email la carta che dovrai stampare e portare con te.

Questa procedura è obbligatoria per la maggior parte dei viaggiatori, ma ci sono delle eccezioni per diplomatici, residenti in Malaysia, cittadini di Singapore e altri casi specifici. Visita il sito ufficiale per i dettagli e per verificare se puoi esonerarti dalla compilazione.

Visto per la Malesia

Le regole per il visto variano a seconda della tua nazionalità. Molti paesi occidentali, Italia inclusa, godono dell’ingresso senza visto fino a 90 giorni, ma è sempre meglio verificare le ultime informazioni prima di pianificare il tuo viaggio.

Assicurazione di Viaggio

È sempre una buona idea avere un’assicurazione di viaggio completa che copra emergenze mediche, cancellazioni del viaggio e smarrimento di beni personali. Con la varietà di attività che farai, meglio prevenire che curare. Noi abbiamo fatto un viaggio senza intoppi, ma abbiamo sentito di viaggiatori che sono stati ricoverati per intossicazioni alimentari.

Etnie e Religioni

La Malesia ospita un’ampia varietà di etnie, principalmente:

  • Malay: La maggioranza del paese, i Malay seguono l’Islam e hanno plasmato l’identità nazionale in maniera significativa.
  • Cinesi: Arrivati durante il colonialismo britannico per l’estrazione del stagno, seguono prevalentemente il Buddismo, Cristianesimo e Taoismo.
  • Indiani: Anche loro portati dai britannici per il lavoro nelle piantagioni, praticano principalmente l’Induismo, con comunità significative di Sikh e Cristiani.
  • Tribù Indigene: Gli Orang Asli della Penisola Malese e i diversi gruppi etnici a Sabah e Sarawak, ognuno con costumi, lingue e tradizioni uniche.

In Malesia, l’Islam è la religione di stato, ma la costituzione tutela la libertà religiosa. Qui, Buddismo, Cristianesimo, Induismo e credenze animiste tradizionali convivono in armonia. Il paese celebra festival di diverse culture – pensa a Hari Raya, Capodanno Cinese, Deepavali e Natale – tutti festeggiati a livello nazionale. Il governo spinge forte sul concetto di ‘1Malesia’, per enfatizzare l’unità nazionale e l’armonia nella società multi-etnica e multi-religiosa.

Geografia della Malesia

La Malesia è una monarchia costituzionale, composta da 13 stati e tre territori federali. Nove di questi stati hanno regnanti ereditari o Sultani. Un unico sistema di rotazione prevede che la posizione del Re o Yang di-Pertuan Agong ruoti tra questi nove Sultani ogni cinque anni. Gli stati con Sultani sono:

  • Johor
  • Kedah
  • Kelantan
  • Negeri Sembilan
  • Pahang
  • Perak
  • Perlis
  • Selangor
  • Terengganu

Gli altri quattro stati hanno Governatori anziché Sultani. Sono Penang, Malacca, Sabah e Sarawak. Se viaggi dalla Penisola Malese agli stati di Sabah o Sarawak nel Borneo Malese, dovrai mostrare il passaporto all’arrivo, anche se si tratta di un volo interno. Questo perché Sabah e Sarawak godono di un certo livello di autonomia e hanno i propri controlli di immigrazione.

Altri consigli utili

  • Lingua: In Malesia l’inglese va alla grande, e persino i cartelli stradali sono in alfabeto romano, facilitando un sacco la vita ai turisti anglofoni.
  • Sensibilità Culturale: La Malesia è a maggioranza musulmana. Rispettare usanze e pratiche religiose locali è fondamentale, specialmente durante il Ramadan.
  • SIM Virtuali: Per restare connessi senza stress, ti consiglio Airalo. È un servizio di SIM virtuale che ti permette di avere una SIM locale direttamente sul tuo smartphone. Questo servizio è una manna dal cielo per i viaggiatori, offrendo accesso a dati mobili affidabili e a buon mercato, senza la necessità di una SIM fisica. Facilissimo da usare e hanno piani diversi a seconda dei giorni che stai nel paese. Io ne ho presa una per tre settimane in Malesia e una per 7 giorni a Singapore. Super consigliato!
sim Virtuali per viaggiatori

Con questi consigli, sei pronto per un’avventura malese sicura, divertente e ricca di scoperte.

Author

I'm the daughter of an Italian family of diplomats, the second of three children, and a global citizen. I've lived in 7 cities around the world, I have a gigantic crush on Italy and my name has been mispronounced more times than I can remember.

Lascia un commento